Skip to content

RSA, Fitto: Emiliano nega diritti e lede la dignità degli anziani

01 luglio 2020

Dichiarazione del candidato presidente del centrodestra per la Puglia, Raffaele Fitto

“Centellinare l’assistenza o peggio farne una percentuale con bonus-contentini del 30% è ledere la dignità dei nostri anziani non autosufficienti, è contravvenire a un principio di uguaglianza dei diritti perché ci sono pugliesi che ne godono e altri nelle medesime condizioni che non ne godono.
“Se la Regione ha determinato un fabbisogno di 8.380 posti letto per anziani non autosufficienti in regime residenziale e semiresidenziale è evidente che vanno non solo accreditati ma anche contrattualizzati tutti e non una percentuale di essi. E se la Regione ha determinato standard strutturali, organizzativi e funzionali che determinano costi più alti rispetto ai costi attualmente sostenuti dai gestori, è ancor più evidente che non basta accreditare e contrattualizzare ma va rideterminata la tariffa.
È assurdo, invece, che con il sistema Emiliano anche all’interno dello stesso nucleo familiare ci siano anziani non autosufficienti che godono della quota sanitaria (e quindi fruiscono del 50% della retta pagata dalla Regione) ed altri no. E questo avviene anche se i due coniugi sono inseriti nella stessa struttura. Per quale ratio? Pochi fondi messi a disposizione.
In sintesi, nell’approssimativa gestione del presidente Emiliano si stabilisce il fabbisogno di posti letto per la popolazione anziana, si stabilisce che tutti coloro che non sono autosufficienti debbano godere di un diritto, si impongono requisiti che fanno schizzare i costi ma alla fine della fiera manca la copertura della spesa e si procede per accreditamenti parziali, senza bozza di contratto e, soprattutto senza aver rideterminato la tariffa.
Una gestione seria della Sanità quel fabbisogno lo trasforma in posti letto tutti accreditati in tutte le RSA che dimostrano di avere i requisiti e copre la spesa eliminando clientele, sprechi e poltrone e razionalizzando l’uso delle risorse con responsabilità, presenza e competenza”.

RSA, Fitto: Emiliano nega diritti e lede la dignità degli anziani

01 luglio 2020

Dichiarazione del candidato presidente del centrodestra per la Puglia, Raffaele Fitto

“Centellinare l’assistenza o peggio farne una percentuale con bonus-contentini del 30% è ledere la dignità dei nostri anziani non autosufficienti, è contravvenire a un principio di uguaglianza dei diritti perché ci sono pugliesi che ne godono e altri nelle medesime condizioni che non ne godono.
“Se la Regione ha determinato un fabbisogno di 8.380 posti letto per anziani non autosufficienti in regime residenziale e semiresidenziale è evidente che vanno non solo accreditati ma anche contrattualizzati tutti e non una percentuale di essi. E se la Regione ha determinato standard strutturali, organizzativi e funzionali che determinano costi più alti rispetto ai costi attualmente sostenuti dai gestori, è ancor più evidente che non basta accreditare e contrattualizzare ma va rideterminata la tariffa.
È assurdo, invece, che con il sistema Emiliano anche all’interno dello stesso nucleo familiare ci siano anziani non autosufficienti che godono della quota sanitaria (e quindi fruiscono del 50% della retta pagata dalla Regione) ed altri no. E questo avviene anche se i due coniugi sono inseriti nella stessa struttura. Per quale ratio? Pochi fondi messi a disposizione.
In sintesi, nell’approssimativa gestione del presidente Emiliano si stabilisce il fabbisogno di posti letto per la popolazione anziana, si stabilisce che tutti coloro che non sono autosufficienti debbano godere di un diritto, si impongono requisiti che fanno schizzare i costi ma alla fine della fiera manca la copertura della spesa e si procede per accreditamenti parziali, senza bozza di contratto e, soprattutto senza aver rideterminato la tariffa.
Una gestione seria della Sanità quel fabbisogno lo trasforma in posti letto tutti accreditati in tutte le RSA che dimostrano di avere i requisiti e copre la spesa eliminando clientele, sprechi e poltrone e razionalizzando l’uso delle risorse con responsabilità, presenza e competenza”.

RSA, Fitto: Emiliano nega diritti e lede la dignità degli anziani

01 luglio 2020

Dichiarazione del candidato presidente del centrodestra per la Puglia, Raffaele Fitto

“Centellinare l’assistenza o peggio farne una percentuale con bonus-contentini del 30% è ledere la dignità dei nostri anziani non autosufficienti, è contravvenire a un principio di uguaglianza dei diritti perché ci sono pugliesi che ne godono e altri nelle medesime condizioni che non ne godono.
“Se la Regione ha determinato un fabbisogno di 8.380 posti letto per anziani non autosufficienti in regime residenziale e semiresidenziale è evidente che vanno non solo accreditati ma anche contrattualizzati tutti e non una percentuale di essi. E se la Regione ha determinato standard strutturali, organizzativi e funzionali che determinano costi più alti rispetto ai costi attualmente sostenuti dai gestori, è ancor più evidente che non basta accreditare e contrattualizzare ma va rideterminata la tariffa.
È assurdo, invece, che con il sistema Emiliano anche all’interno dello stesso nucleo familiare ci siano anziani non autosufficienti che godono della quota sanitaria (e quindi fruiscono del 50% della retta pagata dalla Regione) ed altri no. E questo avviene anche se i due coniugi sono inseriti nella stessa struttura. Per quale ratio? Pochi fondi messi a disposizione.
In sintesi, nell’approssimativa gestione del presidente Emiliano si stabilisce il fabbisogno di posti letto per la popolazione anziana, si stabilisce che tutti coloro che non sono autosufficienti debbano godere di un diritto, si impongono requisiti che fanno schizzare i costi ma alla fine della fiera manca la copertura della spesa e si procede per accreditamenti parziali, senza bozza di contratto e, soprattutto senza aver rideterminato la tariffa.
Una gestione seria della Sanità quel fabbisogno lo trasforma in posti letto tutti accreditati in tutte le RSA che dimostrano di avere i requisiti e copre la spesa eliminando clientele, sprechi e poltrone e razionalizzando l’uso delle risorse con responsabilità, presenza e competenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *