Skip to content

Turismo, Fitto: La commissione UE stoppi il ‘corridoio Covid free’ che porta i tedeschi e austriaci in vacanza in Croazia e in Slovenia! Per l’italia oltre il danno la beffa

16 maggio 2020

Il co-presidente del gruppo europeo ECR-FRATELLI D’ITALIA, Raffaele Fitto, è il promotore di un’interrogazione urgente

“Mentre è in corso balletto dei numeri fra il Governo italiano e le Regioni, che appaiono più appassionati dai distanziometri che alla vera ripartenza con adeguata sicurezza, Austria, Germania, Repubblica Ceca, Slovenia e Croazia firmano accordi per creare un ‘Corridoio Covid Free’ per dirottare i turisti del Nord Europa verso le spiagge dell’ex Jugoslavia.
Insomma, gioire per le oltre 400 marine italiane, 15 pugliesi, che ieri hanno ricevuto la BANDIERA BLU potrebbe servire a ben poco se poi altri Paesi Europei, colpiti dal Covid quanto e come l’Italia, decidono di dare una mazzata al turismo italiano. Un settore che in Italia vale il 13% del PIL e conta oltre 4 milioni di occupati. Questo “corridoio Covid free” porterebbe per l’Italia ad una contrazione del 73% dei fatturati.
Per questo, abbiamo presentato, come gruppo Fratelli d’Italia, un’interrogazione alla Commissione Europea per stoppare, questa assurda iniziativa che discrimina il turismo italiano, ma anche sanzionare i Paesi che adottano misure di carattere unilaterale a danno dell’Italia. Un’interrogazione che vuole essere anche una SVEGLIA per il nostro Governo oltre che per la Commissione Europea”.

Turismo, Fitto: La commissione UE stoppi il ‘corridoio Covid free’ che porta i tedeschi e austriaci in vacanza in Croazia e in Slovenia! Per l’italia oltre il danno la beffa

16 maggio 2020

Il co-presidente del gruppo europeo ECR-FRATELLI D’ITALIA, Raffaele Fitto, è il promotore di un’interrogazione urgente

“Mentre è in corso balletto dei numeri fra il Governo italiano e le Regioni, che appaiono più appassionati dai distanziometri che alla vera ripartenza con adeguata sicurezza, Austria, Germania, Repubblica Ceca, Slovenia e Croazia firmano accordi per creare un ‘Corridoio Covid Free’ per dirottare i turisti del Nord Europa verso le spiagge dell’ex Jugoslavia.
Insomma, gioire per le oltre 400 marine italiane, 15 pugliesi, che ieri hanno ricevuto la BANDIERA BLU potrebbe servire a ben poco se poi altri Paesi Europei, colpiti dal Covid quanto e come l’Italia, decidono di dare una mazzata al turismo italiano. Un settore che in Italia vale il 13% del PIL e conta oltre 4 milioni di occupati. Questo “corridoio Covid free” porterebbe per l’Italia ad una contrazione del 73% dei fatturati.
Per questo, abbiamo presentato, come gruppo Fratelli d’Italia, un’interrogazione alla Commissione Europea per stoppare, questa assurda iniziativa che discrimina il turismo italiano, ma anche sanzionare i Paesi che adottano misure di carattere unilaterale a danno dell’Italia. Un’interrogazione che vuole essere anche una SVEGLIA per il nostro Governo oltre che per la Commissione Europea”.

Turismo, Fitto: La commissione UE stoppi il ‘corridoio Covid free’ che porta i tedeschi e austriaci in vacanza in Croazia e in Slovenia! Per l’italia oltre il danno la beffa

16 maggio 2020

Il co-presidente del gruppo europeo ECR-FRATELLI D’ITALIA, Raffaele Fitto, è il promotore di un’interrogazione urgente

“Mentre è in corso balletto dei numeri fra il Governo italiano e le Regioni, che appaiono più appassionati dai distanziometri che alla vera ripartenza con adeguata sicurezza, Austria, Germania, Repubblica Ceca, Slovenia e Croazia firmano accordi per creare un ‘Corridoio Covid Free’ per dirottare i turisti del Nord Europa verso le spiagge dell’ex Jugoslavia.
Insomma, gioire per le oltre 400 marine italiane, 15 pugliesi, che ieri hanno ricevuto la BANDIERA BLU potrebbe servire a ben poco se poi altri Paesi Europei, colpiti dal Covid quanto e come l’Italia, decidono di dare una mazzata al turismo italiano. Un settore che in Italia vale il 13% del PIL e conta oltre 4 milioni di occupati. Questo “corridoio Covid free” porterebbe per l’Italia ad una contrazione del 73% dei fatturati.
Per questo, abbiamo presentato, come gruppo Fratelli d’Italia, un’interrogazione alla Commissione Europea per stoppare, questa assurda iniziativa che discrimina il turismo italiano, ma anche sanzionare i Paesi che adottano misure di carattere unilaterale a danno dell’Italia. Un’interrogazione che vuole essere anche una SVEGLIA per il nostro Governo oltre che per la Commissione Europea”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *